• facebook
  • flickr
  • foursquare
  • google
  • pinterest
  • twitter
  • youtube

Weekend a Bologna al ritmo di jazz

  • 9 Novembre 2012

La musica jazz è una delle tue passioni?

Allora non perdere il Jazz Festival, che si terrà a Bologna dal 15 al 25 novembre. Simbolo del grande amore della città per questo genere, la prima edizione di questa kermesse musicale risale addirittura al 1958 e già dall’anno successivo, grazie alla partecipazione di Chet Baker, diventa una delle manifestazioni jazzistiche più importanti del panorama nazionale.

Anche quest’anno il  calendario dei concerti si preannuncia ricco e imperdibile. Artisti come Brad Mehldau Trio, Chick Corea Trio, Jim Hall Trio (in esclusiva nazionale) e John McLaughlin 4tet, assieme a molti altri personaggi del panorama jazzistico nazionale e internazionale si esibiranno dal vivo con la loro trascinante energia.

Se il programma vi stuzzica e desiderate organizzare una trasferta a Bologna affidatevi a Emozione3!

Con i cofanetti della linea soggiorni e gusto potrete trovare facilmente strutture e locali che vi ospiteranno durante la vostra vacanza nel mondo del jazz.

Scegliete di affidarvi alle atmosfere famigliari di un bed & breakfast: La Magnolia B&B e il B&B a Casa Vittoria sapranno essere il punto di partenza ideale per darvi la possibilità di partecipare a tutti gli eventi in programma in città nei giorni del festival.

 

 

E se cercate un ristorante per una cena, in attesa del vostro concerto, nel cofanetto Fuori a Cena troverete idee per tutti i gusti. Volete assaporare i sapori tradizionali della cucina emiliano-romagnola?

Allora Laghetti del Rosario è il locale che fa per voi! Se, invece, siete affascinati dai sapori orientali, perché non provare il Sosushi Bologna Lab 1 per un salto tra le delizie giapponesi.

Non siete ancora convinti?

La soluzione ideale potrebbe essere la Taverna Partenone: qui, infatti, potrete abbandonarvi ai piaceri della cucina greca.

Ora non c’è più niente che possa fermarvi: andate a godervi il sound inconfondibile di una musica che, come dice Lester Bowie, “non è né un repertorio specifico, né esercizio accademico, ma uno stile di vita”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: