• facebook
  • flickr
  • foursquare
  • google
  • pinterest
  • twitter
  • youtube
Wanderlust: l’irresistibile desiderio di viaggiare

Wanderlust: l’irresistibile desiderio di viaggiare

  • 15 Maggio 2015

Wanderlust: avete presente quell’impellente desiderio di viaggiare, quell’urgenza di lasciarsi trasportare, anche senza avere una meta fissa? Avete mai sognato di svegliarvi una mattina, chiudere gli occhi, segnare un punto a caso su una cartina geografica e andare proprio lì, senza piani precisi?

Se avete provato anche voi una di queste sensazioni, la Wanderlust fa senza dubbio parte di voi. Una parola strana, ma davvero azzeccata, che descrive l’emozione di viaggiare e lasciarsi andare. Un neologismo utilizzato in primis dal Romanticismo tedesco, nato dall’unione di due parole: wandern (camminare) e Lust (desiderio).

Ovviamente la Wanderlust non è presente allo stesso modo in tutte le persone: c’è chi visiterebbe ogni giorno un posto nuovo e chi non si alzerebbe dal divano nemmeno in caso di terremoto! Vi state domandando da cosa dipenda questa differenza? Sappiate che sono state fatte fior fior di ricerche, secondo le quali il portatore di Wanderlust sarebbe addirittura un gene!

La voglia perenne di viaggiare, infatti, sarebbe riconducibile al gene DRD4-7R o gene della Wanderlust. Ecco i sintomi: una maggior propensione a rischiare, ad esplorare nuovi luoghi, a testare nuove idee, a provare nuovi cibi; un generale assenso nei confronti di movimento, cambiamento ed avventura.

Questo indicatore sarebbe presente solo nel 20% della popolazione, soprattutto nelle regioni il cui passato è stato segnato da grandi movimenti migratori. Per cui, se non vi sentite colpiti da questa impellenza di viaggiare, non preoccupatevi, non c’è niente di strano in voi! Se, invece, siete appena tornati da un viaggio incredibile e non vedete l’ora di farne un altro, sappiate che la Wanderlust si fa sentire!

Il consiglio degli esperti? Non esistate, assecondatela e partite! Serve quella spinta in più? Ecco le parole di Tiziano Scarpa: “Non preoccupatevi, lasciate che sia la strada a decidere da sola il vostro percorso, e non il percorso a farvi scegliere le strade. Imparate a vagare, a vagabondare. Disorientatevi. Bighellonate.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: