• facebook
  • flickr
  • foursquare
  • google
  • pinterest
  • twitter
  • youtube

Cucina incomprensibile

  • 29 Gennaio 2013

I programmi in televisione che trattano di cucina sono sempre più numerosi, i ricettari in libreria ormai occupano intere sale, al supermercato e nei negozi si trovano intere scaffalature piene di strani oggetti diventati ormai irrinunciabili per qualsiasi tipo di preparazione: che senso ha la tua vita se non hai almeno un paio di sac-à-poche, un coltello per incidere la frutta e poi leccapentole, wok, planetaria, mandolina e chi più ne ha più ne metta?

Ormai bisogna adeguarsi ai tempi e non farsi cogliere impreparati, perché se è vero che difficilmente qualcuno vi chiederà il nome degli utensili preferiti dai cuochi, vi potrebbe capitare invece di imbattervi in piatti dai nomi strani al ristorante o a casa di amici. Ecco un breve vademecum per non fare brutta figura:

–        gateau: il nome francese un po’ altisonante nasconde una pietanza di semplice preparazione a base di patate. Si dice che fu addirittura una regina, Maria Carolina, che importò nel nostro Paese la ricetta di questo piatto unico gustoso e saziante;

–        quiche: è un modo un po’ snob di definire la classica torta salata. La ricetta originaria è formata soltanto da uova e panna racchiuse in una sfoglia a base di farina, ma le varianti sono davvero infinite;

–        aspic: anche in questo caso il nome particolare nasconde un piatto piuttosto semplice. La sua forma è quella del budino, ma al posto del cioccolato la preparazione è ricca di verdure, carne, uova e di tutto ciò che la fantasia suggerisce. Una volta inseriti tutti gli ingredienti in uno stampo adatto, vengono ricoperti da brodo e un addensante che renderà il tutto gelatinoso;

–        rösti: le patate, grattugiate e poi fritte,  sono nuovamente protagoniste in questo delizioso contorno, che può trasformarsi agilmente in una pietanza più sostanziosa con aggiunta di cipolle, formaggi o pancetta.

Adesso che avete imparato alcuni dei tantissimi nomi che affollano i menu dei ristoranti di ogni tipo, siete pronti ad accompagnare la vostra ragazza o il vostro fidanzato ad una bella cena, senza paura di far brutta figura al momento dell’ordinazione. Se poi sceglierete la location perfetta tra quelle proposte nel cofanetto Emozione3 Fuori a Cena, qualunque strafalcione culinario farete, vi verrà sicuramente perdonato all’istante!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: