• facebook
  • flickr
  • foursquare
  • google
  • pinterest
  • twitter
  • youtube
10 cose da fare e da vedere a Porto

10 cose da fare e da vedere a Porto

  • 18 agosto 2015

Poco battuta dalle rotte europee più tradizionali, Porto è la città ideale per essere ammirata e visitata in un solo indimenticabile weekend, per una divertente fuga dalla quotidianità.

Curiosità

Porto è la seconda città più popolosa del Portogallo ed una delle più industrializzate: rappresenta, infatti, il centro della regione settentrionale del Paese, quella maggiormente sviluppata e avanzata, motivo questo per cui è nota come A capital do norte (La capitale del nord). Ma Porto è conosciuta anche come la cidade invicta (Città invitta) perché in passato è stata capace di respingere sia l’assedio dei Mori sia l’attacco dell’esercito imperiale di Napoleone e, dal momento della sua fondazione durante l’Impero Romano, non è mai stata sconfitta militarmente.

Affacciata sulla riva settentrionale del fiume Douro, Porto ti sorprenderà con le sue atmosfere particolari e suggestive. Scopriamo allora cosa cerchiare sulla cartina di viaggio, le tappe obbligate della tua avventura portoghese. La nostra guida turistica alla scoperta dell’affascinante Porto ti condurrà a spasso per le imperdibili bellezze di questa cittadina.

Cosa vedere a Porto?

#1. L’originale quartiere Ribeira
Il posto più caratteristico di Porto? Il quartiere Ribeira, le cui origini risalgono all’Impero Romano, custode della maggior parte delle attrattive, da ammirare per le sue strade caratteristiche e riconosciuto patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.
Il quartiere Ribeira ti affascinerà con le sue viette strette e ciottolose, le ripide salite, le graziose e secolari abitazioni dipinte di bianco o nei colori pastello, le rive del fiume Douro su cui il quartiere si affaccia e su cui sono attraccate le barcos rabelos, tipiche imbarcazioni portoghesi progettate per la prima volta secoli fa che ospitano le botti per il trasporto del vino dalle cantine in cui viene prodotto ai magazzini della città di Vila Nova de Gaia.
Il Douno è attraversato dal ponte Don Luigi I, eretto su due piani e costruito in ferro su progetto di Gustave Eiffel, il progettista dell’omonima e famosa torre di Parigi!
Sul suggestivo lungofiume, pullulante di bar, locali, pub e ristoranti, potrai gustare anche la buona cucina portoghese e i suoi piatti tipici: la trippa, il baccalà e la franchesina, un toast inventato negli anni Sessanta.

#2. Palacio da Bolsa
Esternamente poco attraente, il Palacio da Bolsa (il nome completo è Palácio da Associação Comercial do Porto) nasconde tutto il suo fascino all’interno, con le magnifiche decorazioni frutto dell’estro creativo di artisti stilisticamente molto differenti tra loro.
Costruito nel XIX secolo, il Palazzo sorge a lato della Chiesa di San Francesco, al posto di quello che un tempo era il convento di San Francesco, distrutto da un incendio nel 1832, durante la guerra civile portoghese. Nel 1841 la regina Maria II decise di donare le rovine del convento ai mercanti della città, i quali vi eressero il palazzo e vi insediarono la sede dell’associazione dei commercianti.
I lavori del palazzo cominciarono nel 1842 e la costruzione della parte esterna terminò nel 1850, mentre le decorazioni interne furono concluse nel 1910 e videro il coinvolgimento di numerosi artisti.
Tutte le sale del palazzo sono molto belle, ma quelle assolutamente da non perdere sono la Sala Araba, in stile neo-moresco, e la Sala delle Nazioni, sormontata da una cupola in ferro posta a 19 metri d’altezza, da cui entra la luce naturale che illumina la stanza, creando un’atmosfera particolarmente suggestiva. Tutto intorno alla cupola gli stemmi nazionali dei Paesi con cui il Portogallo intratteneva legami commerciali e diplomatici.

#3. La Chiesa di San Francesco
Probabilmente il più bell’esempio di barocco portoghese e, in particolare, della tecnica della talha dourada, il tipico intarsio in legno dorato con cui sono state decorate molte chiese costruite in Portogallo nel corso del 1700.
Opulenta e maestosa, la Chiesa di San Francesco è stata ornata con più di 100 chili d’oro che, accesi dalla luce naturale proveniente dalle finestre, danno vita ad un effetto magico ed emozionante. Resterai meravigliato anche dai preziosi intarsi in legno con motivi floreali e animali che arricchiscono le decorazioni.

#4. Sé, la Cattedrale di Porto
In stile romanico, la Cattedrale di Porto è stata costruita nel XII secolo e rimaneggiata tra il XVII e il XVIII secolo.
Austera e severa, la Sé si caratterizza per il suo grande rosone centrale e le due torri gemelle laterali sormontate da cupole. Le tre semplici navate interne sono arricchite da cappelle barocche e il chiostro gotico è favolosamente decorato da azulejos bianche e azzurre, ovvero piastrelle di ceramica particolarmente spessa, smaltata e decorata.
Di fronte alla Cattedrale, nella piazza che regala una splendida visuale del Ribeira, la tua curiosità sarà attratta da una colonna in stile manuelino che si eleva proprio al centro di questa. Si tratta di un’antica gogna: è qui che in passato venivano torturati ed esposti alla pubblica derisione i condannati.

#5. Il Mercado do Bolhão
Vuoi immergerti nel folklore e nelle tradizioni di Porto? Allora devi concederti un giro al Mercado do Bolhão, costruito con una struttura neoclassica in ferro che si eleva su due piani. Sebbene oggi sia trascurato e in decadenza, resta pur sempre il più famoso mercato di Porto, ricco di bancarelle di frutta, verdura, pesce, salumi, formaggi e di trattorie.

#6. Ponte Dom Luis I
Progettato da Téophile Seyrig, allievo di Gustave Eiffel, il ponte in ferro collega il quartiere della Ribeira con Vila Nova de Gaia, cittadina gemellata con Porto. Costruito nel 1881 e aperto nel 1886 e lungo oltre 170 metri, il Ponte Dom Luis I ti sorprenderà con le sue atmosfere uniche e suggestive, particolarmente emozionanti al tramonto o di notte, grazie alle romantiche luci che lo illuminano.

#7. Libreria Lello e Irmão
Nota anche con i nomi di Libreria Chardron o, più semplicemente, Libreria Lello, si tratta di un gioiellino ammirato con meraviglia dai tanti turisti che vi fanno visita.
Fondata nel 1869 e costruita su progetto dell’ingegnere portoghese Francisco Xavier Esteves, l’incantevole Libreria Lello e Irmão coniuga lo stile gotico e quello Liberty in un’atmosfera incredibile. Gli intarsi nel legno e l’originale scala (anche questa in legno) a forma di 8 con doppia circonvoluzione contribuiscono ad arricchire la struttura, nella quale sono state girate alcune scene della saga di Harry Potter.

#8. Torre dos Clérigos
Simbolo della città portoghese, la Torre dei Chierici è costruita in pietra ed è alta 76 metri. Al suo interno ospita una scala a chiocciola composta da ben 225 gradini.
Progettata dall’architetto italiano Niccolò Nasoni, la Torre dei Chierici fu costruita tra il 1754 e il 1763 secondo i dettami dello stile barocco.

#9. Centro Portugues de Fotografia
Affascinante per chiunque, non solo per gli appassionati di fotografia. All’interno del Centro Portugues de Fotografia vivrai un emozionante viaggio alla scoperta delle macchine fotografiche d’epoca.

#10. La stazione di Porto
La stazione di Porto è una delle attrazioni turistiche più apprezzate e visitate della cittadina portoghese. All’inizio del Novecento il bellissimo atrio che porta ai binari è stato decorato con 20.000 azulejos dipinte in bianco e blu da Jorge Colaco, il più noto decoratore portoghese. Uno spettacolo assolutamente da ammirare!

Ora sei quasi pronto per partire alla volta di Porto, manca solo un ultimo particolare. Se vuoi rendere davvero indimenticabile la tua vacanza, devi scegliere un’hotel in grado di non tradire le tue aspettative. Per soggiornare in una struttura meravigliosa e, al tempo stesso, rendere più agevoli gli spostamenti nella cittadina portoghese, ti suggeriamo di scegliere l’Hotel Eurostars das Artes.

Una vacanza speciale ti aspetta!

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: